L’approccio della Gestalt #2 > Il contatto

Quando inizi un percorso Gestalt non impari cose nuove da mettere dentro alla tua testa, impari soprattutto a permetterti di fare esperienze nuove. Ogni persona ha delle esperienze che si figura difficili o dolorose e che spesso non lo sono. Anzi una volta superata l’ansia e la paura attraversare certe esperienze porta ad una persona grande gioia e soddisfazione. Ogni individuo ha le proprie esperienze con cui ha difficoltà ad entrare in contatto. Per esempio manifestare la propria rabbia, avere un figlio, superare una fobia, lasciare una persona, affrontare una malattia, camminare per 300 km, lasciare andare un figlio per la propria strada, affrontare un viaggio, confrontare il giudizio della famiglia, dichiarare il proprio orientamento sessuale, abbandonare la dipendenza da sostanze o da persone. Tutte queste sono esperienze da cui alcune persone desiderano stare lontani. In un percorso gestaltico il terapeuta accompagna la persona ad entrare in contatto con la propria paura ma anche con la gioia e la soddisfazione. Un buon terapeuta offre al/la cliente la possibilità di dire ed affrontare gradualmente ciò che gli/le appare così difficile e lontano da sè. Un percorso gestalt consente di entrare in contatto con paure, risorse, eccitazione, persone, situazioni che rendono la vita di una persona più varia e soddisfacente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *